Situata sull’asse della via Emilia, Fidenza è un polo intermedio tra Parma e Piacenza. Nel 41 a.C. fu insignita da Ottaviano della cittadinanza romana come “Julia Fidentia”, in richiamo del dio Fidio. Sotto la torre viscontea di porta S. Donnino, davanti al Duomo, sono state rinvenute le arcate del ponte romano sullo Stirone. La tradizione vuole che qui, nel 291 d.C., sia stato martirizzato S. Donnino. In seguito alla diffusione del culto del santo, tra IX e X secolo, si afferma la denominazione di “Borgo S. Donnino”, che rimarrà fino al 1927. La struttura urbana si compone di due parti: il settore orientale, a levante di piazza Garibaldi, forse coincidente con l’antico foro romano, conserva la classica orditura a maglia ortogonale sull’asse ordinatore della via Emilia (via Berenini), sulla quale nel XII secolo si è impostato il Borgonovo. A occidente della piazza si riconosce il borgo di matrice altomedievale, con la raggiera di strade a semicerchio e avente come fulcro il Duomo, magistrale opera romanica di Benedetto Antelami. Essendo importante nodo strategico, Fidenza fu oggetto di numerose dispute che la distrussero più volte: si possono contare, infatti, fino a sette cinte murarie. Nel 1575 Ottavio Farnese iniziò la costruzione di un importante circuito poligonale a sette lati con imponenti bastioni, che ancora oggi caratterizza la pianta del nucleo storico della città.

La visita della città prende avvio da piazza del Duomo, centro del borgo medievale, dove si affacciano il Duomo (la Cattedrale) e la torre detta Porta S. Donnino. Si prosegue lungo via Frate Gherardo, che segue la linea delle mura viscontee, fino alla chiesa di S. Pietro in piazza Gioberti. L’andamento dell’antica cinta muraria prosegue in via Bacchini e conduce in piazza Giuseppe Verdi, dove sorge il Teatro “Girolamo Magnani”. Via Bacchini termina in piazza Garibaldi, dominata dal Palazzo comunale e delimitata, a nord, dalla via Emilia. Si procede lungo via Berenini, dove un tempo sorgeva il nucleo urbano romano e dove oggi si innalzano le chiese di S. Maria Annunziata, di S. Michele e della Vergine Madre, il collegio dei Gesuiti e il palazzo delle Orsoline, sede del Museo del Risorgimento “Luigi Musini” e del Museo dei Fossili dello Stirone. L’ideale itinerario si conclude con la visita della chiesetta di Cabriolo, situata a 3 km a sud di Fidenza.

La Cattedrale di Fidenza

L’attuale Cattedrale di Fidenza risale al XII secolo e costituisce uno splendido esempio di romanico emiliano-lombardo; è dedicata a San Donnino, del quale conserva le preziose reliquie. L’edificio si sviluppa su un piccolo Martyrium, la chiesetta eretta nel IV secolo d.C. per ospitare le spoglie del martire. In seguito venne ampliata grazie all’intervento della regina longobarda Teodolinda (VII secolo), dell’imperatore Carlomagno e del sovrano Federico Barbarossa, che nel 1162 la dichiarò sua Chiesa Imperiale. La facciata a capanna, rimasta incompleta, è affiancata da due torri quadrate in blocchi di arenaria: quella di destra è detta del “Trabucco” e quella di sinistra è detta “del Folletto” o “delle Cicogne”. Presenta tre portali con protiri; il portale principale al centro è sostenuto da due leoni stilofori e mostra al vertice dell’arco Cristo in Gloria. Notevole l’intero apparato scultoreo della facciata con fregi, statue e bassorilievi frutto dell’intervento di Benedetto Antelami e della sua bottega. Il fregio che attraversa il portale centrale racconta la storia di Donnino, prezioso servitore dell’imperatore Massimiano, della sua fuga dal sovrano, del suo martirio e dei suoi primi miracoli a Fidenza. L’interno a tre navate, caratterizzato da elementi architettonici romanici e gotici, presenta nel catino absidale sculture probabilmente risalenti al XIII secolo con Cristo Maestro in trono affiancato dai simboli dei quattro evangelisti e da due angeli; nella parte inferiore si trova l’affresco con la figura di Cristo al centro, protagonista della scena del Giudizio Universale. Nella Cripta a tre navate rinnovata dall’intervento della bottega antelamica ad inizio XIII secolo, sono conservati sotto il nuovo altare i resti del Martire San Donnino, ritrovati nel 1853. La storia di Fidenza è strettamente legata a quella del suo Santo Patrono Donnino Martire.
Fu il cubicolario dell’imperatore Massimiano, ossia il funzionario che aveva il compito di amministrare i beni della Camera Imperiale e che doveva custodire e porre sul capo del suo signore la corona imperiale in occasione delle grandi cerimonie. Donnino essendo cristiano, dovette abbandonare la corte imperiale e fuggì con alcuni compagni alla volta di Roma. Inseguito dai soldati dell’imperatore, venne catturato e decapitato alle porte di Fidenza, presso il torrente Stirone. Lì accadde il miracolo: Donnino attraversò il fiume con il proprio capo in mano e si mise a giacere a terra; proprio in quel luogo dove vennero ritrovate le sue spoglie, sorse il primo edificio di culto a lui dedicato.

Sito del museo del Duomo di Fidenza

La torre medievale

La massiccia torre merlata venne eretta nel 1364 ad opera dell’architetto Giorgio da Como, per volontà della famiglia Visconti, che a quel tempo controllava Borgo; fu baluardo di difesa e porta d’accesso alla città per coloro i quali provenivano da Piacenza lungo la Via Emilia. La torre resta oggi l’unica testimonianza ancora visibile della cinta difensiva di Fidenza costruita nel XIV secolo ad opera della nobile famiglia milanese. Nell’Antiquarium allestito presso Casa Cremonini sono esposti alcuni reperti rinvenuti durante i lavori di riqualificazione di Piazza Grandi e durante attività di scavo in altre parti della città. Da settembre 2011 la Torre Medievale e l’Antiquarium sono aperti al pubblico e visitabili negli orari di apertura dell’ufficio turistico.

Sito Torre Medievale di Fidenza

Teatro comunale

Sorto sulle rovine dell’antica chiesa di San Francesco, il Teatro fu edificato a partire dal 1812 su progetto dell’architetto neoclassico Nicola Bettoli. L’edificio venne inaugurato il 26 ottobre 1861 con il Trovatore di Giuseppe Verdi. L’apparato decorativo interno è frutto del genio fidentino Girolamo Magnani, ornatista, scenografo e pittore, al quale il teatro venne dedicato. Nel 2011, in occasione dei festeggiamenti dei 150 anni del teatro, è stato presentata la Camera acustica restaurata, una sala dipinta da allestire sul palcoscenico, commissionata a Girolamo Magnani nel 1871 e ritrovata ad inizio 2010 all’interno dello stesso teatro.

Sito Teatro Magnani di Fidenza

Ospitale “San Donnino”

L’Ospitale “San Donnino” rappresenta il dono giubilare per i pellegrini della Via Francigena che la Diocesi di Fidenza, retta dal Vescovo, mons. Carlo Mazza, ha voluto realizzare in occasione del Giubileo Straordinario della Misericordia 2015-2016 indetto da Papa Francesco con la Bolla di indizione “Misericordiae Vultus”  del 11 aprile 2015.

La struttura, aperta dal lunedì al venerdì, dalle ore 11.00 alle ore 19.00, il sabato, la domenica e i festivi con apertura dalle ore 11.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.00 alle ore 17.30, potrà accogliere fino a 10 pellegrini che potranno trovare ospitalità in 3 camere (una camera doppia, una camera con 3 posti letto e una camera con 5 posti letto) con cucina in autogestione per la preparazione ed il consumo di un pasto, locale di lavanderia e stenditoio oltre bagno per uomini / donne e disabili. Nel fabbricato è presente un cortile in cui potranno essere depositate le biciclette (dei pellegrini). Nella struttura il pellegrino troverà il posto letto a lui assegnato con lenzuola e copricuscino monouso.

Per maggiori informazione visualizza la pagina dedicata

I Musei di Fidenza

Museo del Duomo
Via Don Minzoni 10/A
Tel. 0524 514883
www.museoduomofidenza.it
Orari di apertura
Da martedì a domenica, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18

Museo del Risorgimento “Luigi Musini”
OF Orsoline Fidenza
Via Costa 2
Tel. 0524 517390 (biblioteca)
orsolinefidenza@comune.fidenza.pr.it
Apertura su prenotazione

Museo dei fossili
Via Berenini 136
Tel. 0524 526326
angelo.orzi@libero.it oppure paleofid@libero.it
Il Museo dei Fossili è aperto al pubblico il 1° e il 3° venerdì di ogni mese (escluso Luglio e Agosto) dalle 21.00 alle 22.30
Ingresso libero

Museo di Rover Joe
Via Della Chiesa 8 (quartiere La Bionda )
Tel. 0524 524060
e-mail info@roverjoe.com
Orari di apertura
Dal lunedì al Venerdì dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30
Sabato dalle 9 alle 12.30
Il fine settimana l’apertura è su prenotazione
Ingresso libero

Numeri utili

Comune di Fidenza, Centralino tel. 0524/517111
Ufficio turistico, tel. 0524/83377
Biblioteca, Museo Musini tel. 0524/517390
Teatro G. Magnani, tel. 0524/517510
Museo del Duomo e Diocesano, tel. 0524/514883
Ospedale di Vaio, Emergenza 118, Centralino tel. 0524/515111
Polizia Municipale Unione Terre Verdiane, Centrale operativa tel. 0524/205011
Carabinieri 112
Vigili del fuoco 115

Fidenza
Condividi