Musei del Cibo: ecco la Card per visitarli tutti

Merluzzo al profumo d’estate
10/05/2017
S’impara la storia nella torre di Fidenza
25/05/2017

Musei del Cibo: ecco la Card per visitarli tutti

I Musei del Cibo della Provincia di Parma sono un circuito dedicato ai prodotti tipici del territorio parmense, un progetto di qualità che offre la possibilità di entrare e scoprire secoli di tradizione finalizzati a produrre cibi di altissima qualità.
I Musei del Cibo vengono così ad inserirsi in maniera naturale nei percorsi eno-gastronomici e vanno ad arricchire ulteriormente aree già punteggiate da emergenze paesistiche, storiche ed artistiche di rilievo: il Museo del Parmigiano-Reggiano ha sede nello storico Casello ottocentesco che sorge all’ombra della Rocca Meli-Lupi di Soragna, in un’area ricca di castelli e di ricordi verdiani.

Il Museo dei Salumi tipici sorge a Langhirano, nell’ex Foro Boario, in una zona fortemente caratterizzata dalla lavorazione delle carni suine e dalla stagionatura.

Il Museo del Salame all’interno del Castello di Felino, il Museo del Pomodoro ospitato a Giarola, nel comune di Collecchio, all’interno di una monumentale corte agricola Benedettina del XIII secolo, da sempre deputata alla produzione agricola, all’allevamento del bestiame e, in tempi a noi più prossimi, alla trasformazione industriale del pomodoro, posta a ridosso del corso del fiume Taro e sede dell’omonimo Parco Regionale, importante area protetta per le emergenze naturalistiche.

I musei di ultima apertura sono il Museo della Pasta, ospitato nella stessa sede del Museo del Pomodoro, e la Cantina dei Musei del Cibo, ovvero il Museo del Vino ospitato nella Rocca di Sala Baganza, appartenuta alla famiglia Sanvitale dal XIII secolo all’inizio del ‘600, quando poi passò ai Farnese.
Per visitarli tutti si può acquistare una Card al costo di euro 9,00, in vendita presso lo IAT in Piazza Garibaldi, che ha validità di un anno.

Fonte testo: www.turismo.comunediparma.it

10/05/2017

Share this page