Verdi, il famoso baule torna a Villa Sant’Agata

In arrivo marchio De.Co. per l’anolino di Fidenza
22/09/2017
Lo scalone ritrovato del Convento delle Orsoline
28/10/2017

Verdi, il famoso baule torna a Villa Sant’Agata

Cambia il destino per le 17 cartelle – di cui 16 intestate a opere di Giuseppe Verdi – più una carpetta bianca, per un totale di 2700 fogli di abbozzi musicali, appunti e copie di corrispondenza, il tutto contenuto nell’ormai arcinoto baule da viaggio, di colore verde scuro, con borchie e lucchetti, rivestito internamente da una carta gialla ormai sbiadita, costruito a Chicago dalla Marshall Fied & Co. Retail alla fine dell’Ottocento.

Le famose “carte verdiane inedite”, delle quali si sono interessati giornali e riviste nazionali, se ne andranno dall’Archivio di Stato di Parma.

La decisione unanime della Commissione Culturale in Regione Emilia Romagna che fra le carte c’è quella “sinfonia di Aida”, che Giuseppe Verdi non volle mai eseguire e, quindi, non inserì nell’opera.

All’interno del baule tutto è perfettamente ordinato: ogni cartella reca un titolo come il Rigoletto, il Trovatore, la Traviata ecc., questo tesoro, insieme alle carte a tutte le cartelle e le lettere in esso contenute, ritornerà a Villa Verdi da dove era partito alla volta di Parma, per consentire i sei mesi di lavoro, ora abbondantemente trascorsi. Gli eredi attendono la restituzione di ciò che appartiene a loro.

Le carte all’interno del baule fanno parte di un unicum inscindibile che è l’eredità universale di Giuseppe Verdi.

“E’ un fatto, però – conclude l’erede Angiolo Carrara Verdi – che il Maestro scrisse di pugno “Abbruciate tutte queste carte!” sopra il baule e fu solo grazie a mio nonno se tutti quei documenti, che per molti, erroneamente, rappresentavano una sorta di tesori verdiano inedito, non sono andati distrutti. La volontà di Verdi era un’altra, ma mio nonno non volle che l’eredità preziosa, pure di semplici frammenti manoscritti del Maestro, andasse perduta. Anche per questo il posto di tutte queste carte è qui: a casa di Giuseppe Verdi!”

 

Fonte testo: Gazzetta di Parma 22/09/2017 – Fonte foto: www.bussetolive.com

30/09/2017

Share this page