La Fortana, il vino tra la Nebbia e il Po

Il vino tipico delle Terre Verdiane si chiama Fortana, la sua terra d’origine per eccellenza è il paese di San Secondo, più ancora nei dintorni di Pavarara, dove un tempo scorreva il fiume Taro ed i campi hanno fondo sabbioso e ghiaioso. Poche zolle ma sapide di eccellente uva Fortana che si fortifica durante i freddi e umidi inverni della Bassa parmense.

Perdersi tra i filari di Fortana avvolti dalla nebbia è un’esperienza davvero affascinante, non solo per gli amanti del vino ma per tutti coloro che amano una natura maestosa e silenziosa, come è quella che governa la Bassa.

Il Vino Fortana si sposa alla perfezione con altri prodotti tipici delle Terre di Verdi, ovvero la Spalla Cotta ed il Culatello di Zibello. L’uva Fortana, oltre che nella zona di San Secondo, cresce e vinifica bene in altre isole sicure come le terre di Soragna, Busseto e degli altri comuni occidentali della pianura, quelli per intenderci dalle antiche rocche secolari, dove le calure estive e le grandi nebbie autunnali abbracciano da sempre i lunghi filari.

E’ questo, certamente, il più antico e tradizionale tra i vini della pianura; un vino che ha tutti i requisiti per incontrare i gusti del moderno consumatore: moderatamente alcolico, fresco e frizzante dal fruttato caratteristico, leggermente abboccato, di facile abbinamento con salumi stagionati e formaggi.

Per approfondimento: www.museidelcibo.it

Condividi