La filastrocca fiocca a Fidenza

Festa Internazionale della Storia 2020 a Fidenza
04/11/2020

La filastrocca fiocca a Fidenza

Mentre ci avviciniamo al Natale, ogni giorno prendiamo atto della complessità in cui siamo immersi e che ci disorienta.
Per accedere ad una dimensione di leggerezza e di semplicità, l’assessorato alla cultura propone “Se la filastrocca fiocca”, in cui le emozioni e non solo trovano spazio.

Ogni giorno, dall’8 al 24 dicembre 2020, due filastrocche saranno postate sulla pagina YouTube Comune di Fidenza. Si chiede, a chi volesse, di inviare una o più filastrocche sentite, lette, conosciute o composte al seguente indirizzo mail: cesarir@comune.fidenza.pr.it, entro venerdì 27 novembre 2020.

Lunghezza: minimo 10 e massimo 30 versi

Gli obiettivi del progetto:

– favorire il protagonismo e la partecipazione della cittadinanza

– creare opportunità di prosecuzione delle attività culturali seppur in questo periodo di chiusure

– far rivivere la tradizione della filastrocca

– riscoprire filastrocche di carattere locale

– ricordare gli anniversari della nascita (100 anni) e della morte (40 anni) di Gianni Rodari

Le filastrocche infatti, così come la poesia in generale, fanno bene all’anima: il loro compito è quello di restituire, in semplicità, la complessità del mondo, riuscendo così a condensare in poche sillabe concetti molto profondi. Poesie e filastrocche ci danno la possibilità di affrontare la realtà guardandola in una chiave diversa. Attraverso le parole, bambini e adulti possono dare un senso alla realtà, riappropriandosi delle esperienze che vivono nel quotidiano e delle emozioni che provano.

Davvero è difficile definire formalmente la filastrocca che può essere eseguita con una recitazione ritmata, ma che può anche essere cantata ricca di rime e di assonanze. Il più delle volte collegata alla cultura popolare, ricca di elementi fiabeschi e fantastici, la filastrocca è stata ampiamente praticata da Gianni Rodari del quale si celebrano i 100 anni dalla nascita. Con Rodari nella filastrocca, alla componente favolistica si aggiunge quella visionaria ed etica che pone l’accento sulla collettività e sulla libera espressione. Giochi linguistici e di inventiva che ribadiscono l’importanza dell’immaginazione, coniugata con il pensiero razionale, nella vita quotidiana.

Sarà una data da studiare a memoria:
un giorno senza fame!
Il più bel giorno di tutta la storia!

21 novembre 2020

Condividi