La storia di Fidenza torna a casa

Il Premio letterario Don Amos Aimi
09/08/2018
La nuova Torre Mendini illumina Fidenza
17/10/2018

La storia di Fidenza torna a casa

Al Palazzo delle Orsoline 450 casse di reperti archeologici
C’è l’accordo tra il Comune di Fidenza e il Complesso Monumentale della Pilotta
Per 10 anni ben 450 casse di reperti ospitate a Palazzo delle Orsoline di Fidenza, si tratta di reperti frutto degli scavi condotti a partire dagli anni ’70 sul territorio fidentino (loc. Case Nuove di Siccomonte e Cabriolo)

“Nell’anno dedicato al Patrimonio culturale “le testimonianze emerse” nel nostro territorio, ben 450 casse di reperti, tornano a Fidenza per essere conservate e valorizzate”.
Lo rivela l’assessore alla Cultura Maria Pia Bariggi spiegando che questo risultato è stato il frutto di “un lungo percorso che in questi giorni si è concretizzato in un accordo fra il Comune di Fidenza e il Complesso Monumentale della Pilotta nella persona del suo Direttore, Simone Verde, da subito attento alle istanze dell’Amministrazione e sempre disponibile a una fattiva e profonda collaborazione. L’individuazione di un locale adeguato, l’inventario dei beni, i termini del protocollo che avrà una durata di 10 anni hanno costituito le fasi di un complicato iter in cui ogni procedura e processo è stato oggetto di attente istruttorie e di una appassionata e competente collaborazione con il Complesso Monumentale della Pilotta. E’ l’attenzione dovuta a tanti frammenti del passato che in tutte le loro varianti riconducono alla centralità del tempo e al modo in cui scorre”.

Il Sindaco Andrea Massari parla di “un traguardo molto importante, al quale ha sovrinteso l’assessore Bariggi, che ringrazio unitamente ai vertici del Complesso Monumentale della Pilotta. Potremmo definirlo un team che ha lavorato con passione e dedizione, portando a sintesi un risultato che Fidenza attendeva da tanti anni. Torna a casa una sorta di macchina del tempo, che parla della nostra terra e delle sue genti in un cammino lungo millenni. Un bene che da ora dobbiamo tutti impegnarci a rendere patrimonio condiviso e fruibile. Per gli storici, i ricercatori, gli appassionati ma anche per chi, semplicemente, desidera conoscere di più delle nostre origini”.

I REPERTI IN UNA SALA AD HOC ALLE ORSOLINE
I reperti sono organizzati in 450 casse e sono il frutto di scavi condotti sin dagli anni ’70 in città e nei primi anni ‘90 in località Case Nuove di Siccomonte e Cabriolo. Sono presenti, ad esempio, ceramiche d’impasto dell’età del Bronzo, laterizi, metalli, ceramiche verniciate, vetri, reperti ossei, lingottini di bronzo, lamine e molto altro. Materiale assicurato dal Comune per un valore di circa 20.000 euro per ospitare il quale la Giunta comunale ha messo a disposizione un apposito locale di 95 mq nel complesso delle Orsoline, in via Costa.
“Difficile guardare alle cassette che li contengono con freddezza – osserva l’assessore Bariggi –. I reperti consegnati costituiscono un Patrimonio identitario che permetterà di studiare e di conoscere ulteriormente l’eredità culturale: un insieme di risorse ereditate dal passato in cui individuare valori, credenze, tradizioni. Tutti elementi che possono essere compresi considerando l’interazione, nel corso del tempo, fra le popolazioni e i luoghi”.

UNA COMUNE EREDITA’ CHE NARRA IL RUOLO DI FIDENTIA
L’Amministrazione Comunale, d’accordo con il Complesso Monumentale della Pilotta avrà la responsabilità “di far diventare le testimonianze una Comune eredità che include valori materiali e immateriali in costante evoluzione che tanti studiosi hanno indagato e che, ci auguriamo, indagheranno – commenta l’assessore –. Dovranno affrontare lo spazio di più millenni per espandere e rendere manifesto il ruolo di Fidentia Borgo San Donnino – Fidenza lungo la via Emilia e l’epopea della sua permanenza intorno al culto di San Donnino.
Le azioni di studio del materiale permetteranno un’archeologia anche del contemporaneo capace di far dialogare epoche storiche diverse”.

Fonte testo e foto: Comune di Fidenza

14/08/2018

Condividi